Ti trovi in:

Consiglio » Attività del consiglio

Attività del consiglio

di Giovedì, 28 Marzo 2013 - Ultima modifica: Martedì, 22 Novembre 2016
Gli atti del Consiglio si distinguono in:
Interrogazioni

L’interrogazione consiste nella domanda rivolta al Sindaco o all’Assessore delegato, per sapere se un determinato fatto, riguardante l’Amministrazione in genere o taluno dei suoi membri o, comunque, un servizio o un dipendente comunale, sia vero o sia pervenuto a loro conoscenza; per conoscere se e quali provvedimenti il Sindaco o l’Assessore delegato intendono prendere in proposito; per essere informati se abbiano preso, o stiano per prendere, alcuna risoluzione su oggetti specifici; per raccomandare, o meno, l’adozione di taluni provvedimenti ed infine per sollecitare comunque informazioni o spiegazioni sull’attività dell’Amministrazione comunale. L’interrogazione può essere verbale o scritta, e presentata anche nel corso di una seduta in conseguenza della discussione in trattazione.Mediante l’interrogazione scritta l’interrogante ha diritto di richiedere la risposta scritta che deve essergli data entro trenta giorni e comunicata al Consiglio nella successiva riunione.

Interpellanze

L’interpellanza consiste nella domanda rivolta al Sindaco o all’Assessore delegato, per conoscere i motivi ed i criteri in base ai quali sono stati presi taluni provvedimenti, o risolti determinati affari, od anche, se, come e quando si voglia provvedere in merito ad alcune particolari necessità od affari che interessano direttamente o indirettamente il Comune. Le interpellanze devono essere presentate per iscritto. L’interpellante ha diritto di richiedere la risposta scritta, che deve essergli data entro trenta giorni, con riserva di successiva comunicazione al Consiglio nella sua prossima adunanza, durante la quale l’interpellante può dichiarare brevemente le ragioni per le quali egli sia, o no, soddisfatto.

Mozioni

La mozione consiste nella formulazione di un voto generico circa i criteri seguiti, o che si vogliono seguire, in riguardo a determinati argomenti che rientrino nella competenza consiliare e può concludersi in una risoluzione, in un indirizzo o in un giudizio promossi dai Consiglieri che impegnino il Sindaco, la Giunta municipale e/o il Presidente del Consiglio comunale e le Commissioni, a conformarvisi.

Sedute del Consiglio

Interrogazioni

Interpellanze