Vai menu di sezione

San Martino di Castrozza, Assessori provinciali Failoni e Spinelli visitano la skiarea

Giro di prova con amministratori e operatori locali sulla nuova telecabina Colbricon Express. A gennaio l'inaugurazione ufficiale con il presidente della Provincia 

Realizzata in tempi record, nonostante l'emergenza maltempo delle scorse settimane, è entrata in servizio venerdì 7 dicembre a San Martino di Castrozza, la nuova telecabina Colbricon Express, dopo i lavori di ammodernamento dei sistemi di innevamento completati nelle scorse stagioni.

Il nuovo impianto da 10 posti, sostituisce le due seggiovie che da San Martino di Castrozza portano in Valbonetta. 
Sabato mattina 8 dicembre, gli assessori provinciali Roberto Failoni e Achille Spinelli hanno visitato la ski area, salendo anche sulla nuova cabinovia per un giro di prova con gli amministratori locali. Il taglio ufficiale del nastro del nuovo impianto con il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, si terrà a gennaio 2019.

Oltre al sindaco Daniele Depaoli con gli assessori Antonella Brunet e Giacobbe Zortea (presidente della Società San Martino Rolle spa) all'incontro con gli assessori provinciali erano presenti tra gli altri, il presidente della Comunità di Primiero Roberto Pradel, il presidente di Anef, Valeria Ghezzi e il presidente della locale Azienda per il turismo Antonio Stompanato con il direttore Manuel Corso, il presidente del Consorzio Impianti, Filippo Ongaro con altri impiantisti ed operatori locali. 

L'assessore provinciale all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo  Roberto Failoni, dopo il giro di prova si è detto: “Emozionato per questo nuovo impianto realizzato ai piedi delle Pale di San Martino"; l'assessore ha voluto ringraziare: "Quanti hanno collaborato alla costruzione della nuova cabinovia.  Un impianto da 10 posti, 5 minuti di percorrenza, un tempo eccellente per permettere a tutti di vedere queste splendide montagne. Una zona forse un po' dimenticata negli ultimi tempi  - ha ribadito l'assessore Failoni – ma questo impianto è però una grande partenza per guardare verso Passo Rolle in tempi molto brevi. Per quanto riguarda l'inizio della stagione invernale in Trentino – ha continuato Failoni -, le sensazioni sono ottime: aspettiamo che arrivino ancora un po' di neve e un po' di freddo per essere al top in pochi giorni. Nei prossimi mesi definiremo le priorità della nuova Giunta per quanto riguarda il comparto del turismo”.

Sulla stessa linea anche l'assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli che dal campo scuola in zona Prà delle Nasse, precisa: “E' stata un'esperienza molto positiva visitare questa skiarea con il collega Failoni. Crediamo molto in queste iniziative in grado di dare sviluppo al territorio, che forse ha subito qualche difficoltà negli ultimi tempi. Per quanto riguarda le mie competenze: sviluppo economico, ricerca e politiche del lavoro, sono tre settori impegnativi. Faremo partire una sorta di stati generali della ricerca con ottica 10/15 anni. Vogliamo dare la strada alla ricerca scientifica e allo sviluppo con ricaduta economica sul territorio. Per noi, il lavoro è una priorità”.   

Da parte di tutti amministratori, operatori e impiantisti locali infine, è stata ribadita la necessità di un completamento del progetto di collegamento impiantistico San Martino – Passo Rolle.

I dati tecnici del nuovo impianto

La nuova telecabina Leitner ad agganciamento automatico, con una portata oraria di 2400 persone, accorcerà notevolmente i tempi di trasferimento dalla località Interski Ces al Pian delle Cartucce, dai 20 minuti delle due seggiovie ai soli 6 minuti attuali. 

Come tutti gli altri impianti del comprensorio sciistico San Martino di Castrozza-Passo Rolle, anche questa cabinovia sarà alimentata da energia 100% rinnovabile, prodotta dalle centrali idroelettriche delle Valli di Primiero e Vanoi.

Questa skiarea, punta meridionale del Dolomiti Superski, fa del rispetto per l’ambiente e della sostenibilità ambientale il suo fiore all’occhiello. Basti pensare che i suoi 60 chilometri di piste si snodano tutti all’interno del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, nel cuore delle Dolomiti, dichiarate dall’Unesco. patrimonio dell’umanità.

Ultime novità dall'Alpe Tognola

Nella vicina Alpe Tognola, sono stati ultimati i lavori di ampliamento della pista “Cima Tognola” e il rifacimento della linea di innevamento programmato che serve la pista. Terminati anche i lavori propedeutici alla realizzazione della nuova seggiovia esaposto.  

Pagina pubblicata Sabato, 08 Dicembre 2018 - Ultima modifica: Mercoledì, 19 Dicembre 2018
torna all'inizio del contenuto