Vai menu di sezione

Primiero, presentato il quad del Soccorso alpino: il punto sull'attività locale

Presentazione con simulazione di intervento a San Martino di Castrozza. E' stata l'occasione per fare il punto anche sull'attività delle stazioni

Presentato sabato mattina sulle nevi di San Martino di Castrozza, il nuovo quad destinato alle Stazioni di Primiero e acquistato con il contributo del Comune di Primiero San Martino di Castrozza.

“Un'operazione di grande importanza per l'intero territorio, non solo comunale – ha confermato il sindaco Daniele Depaoli che ha preso parte alla presentazione del nuovo mezzo – ringraziando i volontari sempre pronti a partire. E' il caso che siano dotati di macchine tecnologicamente all'avanguardia e questo mezzo ne è la conferma. Per la loro sicurezza e per gli interventi che ogni anno portano a termine con grande professionalità. Un quad a servizio di tutti i Comuni – ha confermato Depaoli - ma anche di altre strutture e della Protezione civile locale”.

Durante la mattinata, si è svolta una simulazione di intervento in emergenza sulla neve, con i tecnici del Soccorso alpino locale che hanno caricato una persona sulla barella – agganciata al quad – trasferendo il ferito al punto di recupero, da parte dell'ambulanza o dell'elicottero in base ai diversi traumi.

Si tratta di un 'quad' allestito appositamente per il Soccorso Alpino. Un motociclo a quattro ruote atto a trasportare una o due persone e i materiali necessari alle operazioni di soccorso su strade pendenti e sconnesse, che ha il notevole vantaggio di essere piuttosto stretto e quindi può transitare su stradine e mulattiere. Inoltre d'inverno si smontano le ruote e si montano dei cingoli per cui un quad diventa un'ottima macchina per la movimentazione su terreno innevato.

“E' proprio su questo terreno – ha spiegato sabato mattina il delegato di zona del Soccorso Alpino, Johnny Zagonel - che il quad verà utilizzato in operazioni di soccorso ma anche per interventi di Protezione civile. Il mezzo acquistato, va infatti a sostituire un mezzo già in dotazione il quale risulta obsoleto e non più adeguato alle situazioni di emergenza. Il servizio che svolge il Soccorso Alpino – conclude Zagonel - si configura come servizio di pubblica utilità ed è attivo ininterrottamente 24 ore su 24 e per 365 giorni all'anno; esso è sostanzialmente basato sul volontariato dei propri soci, i quali prestano importanti risorse di tempo sia per i servizi che compiono sia per il continuo addestramento”.

I dati del Soccorso alpino locale

Interventi effettuati dal Soccorso Alpino Trentino – Zona Primiero Vanoi nel 2018

103 rispetto agli 86 del 2017

20 (rispetto ai 14) per Caoria

25 (rispetto ai 27 Primiero)

58 San Martino di Castrozza (rispetto ai 45).

Ci sono stati 7 eventi formativi nella zona nel 2018 tenuti dagli istruttori regionali e/o nazionali

Il Consiglio di Zona nel corso del 2018 si è riunito 16 volte.

Situazione soci al 18/01/2019

Totale 59 soci della Zona Primiero-Vanoi (uguale allo scorso anno) di cui 4 giovani;

Caoria 17 Soci di cui 2 giovani

Primiero 23 Soci

San Martino di Castrozza 19 Soci di cui 2 giovani

Pagina pubblicata Sabato, 23 Febbraio 2019
torna all'inizio del contenuto