Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » In evidenza » Nuovo quad per il Soccorso Alpino, con il contributo del Comune di Primiero San Martino di Castrozza. Sbloccate Opere per 1,5 milioni di euro

Nuovo quad per il Soccorso Alpino, con il contributo del Comune di Primiero San Martino di Castrozza. Sbloccate Opere per 1,5 milioni di euro

di Giovedì, 09 Agosto 2018
Immagine decorativa

Via libera ad alcune importanti variazioni di bilancio nell'ultima seduta del Consiglio comunale di Primiero San Martino di Castrozza, che permetteranno all'Ente di realizzare nei prossimi mesi - grazie anche allo sblocco di ingenti fondi comunali attraverso l’uso di spazi finanziari concessi dalla Provincia - interventi per 1,5 milioni di euro

Si tratta di opere che saranno appaltate - aspetto non secondario - già entro fine anno e sulle quali ci soffermeremo prossimamente intervento per intervento presentando tutti i dettagli.

Strada e completamento fognature zona Dalaibi

Altre variazioni hanno riguardato la messa in sicurezza della strada ed il completamento delle fognature in zona Dalaibi, per 180mila euro. La prima parte di fognatura era stata realizzata contestualmente alla posa della rete acquedottistica a servizio della zona.

Ora, vista la situazione non ottimale della viabilità locale, si prevede il collegamento della fognatura con il collettore lungo la tratta del passo Cereda, intervenendo poi in fase di ripristino sulla strada e su alcune opere d’arte della stessa.

Nuovo quad per il Soccorso alpino 

Tra le altre variazioni di bilancio deliberate dal Comune, vi è anche contributo di 11.000 euro stanziato a favore del Soccorso alpino di zona per l'acquisto di un nuovo quad per interventi delle Stazioni di Fiera di Primiero e San Martino di Castrozza. Un'operazione di grande importanza per l'intero territorio, non solo comunale.

Si tratta di un 'quad' allestito appositamente per il Soccorso Alpino. Un motociclo a quattro ruote atto a trasportare una o due persone e i materiali necessari alle operazioni di soccorso su strade pendenti e sconnesse, che ha il notevole vantaggio di essere piuttosto stretto e quindi può transitare su stradine e mulattiere. Inoltre d'inverno si smontano le ruote e si montano dei cingoli per cui un quad diventa un'ottima macchina per la movimentazione su terreno innevato.

“E' proprio su questo terreno che il quad è stato più volte utilizzato in operazioni di soccorso – spiega Johnny Zagonel membro del Soccorso alpino di zona e della locale Commissione valanghe – ma anche per interventi di Protezione civile, come è avvenuto lo scorso inverno.

Nella stagione appena trascorsa, il quad della vicina Stazione di Caoria è stato utilizzato in zona per ben 5 volte in operazioni di soccorso e per 7 volte in operazioni di Protezione civile (manutenzione ripetitori e linee elettriche). Si tratta infatti di un mezzo estremamente utile per le nostre attività, per abbreviare i tempi d'intervento e per dare una risposta efficiente alla sempre maggior richiesta d'interventi.

La spesa preventivata per l'acquisto del quad modello “Artic Cat trv700 a 2 posti” compreso il kit cingoli terreno invernale è di € 16.099,12 IVA compresa. Il Comune di Primiero ha deliberato un sostanzioso contributo di 11.000 € e il resto della spesa verrà coperta con risorse proprie del Soccorso Alpino.

Spesso il Soccorso Alpino è stato definito come "l'ambulanza della montagna", nel senso che dove non possono arrivare i mezzi terrestri di normale utilizzo e nemmeno l'elicottero, deve necessariamente intervenire il personale del Soccorso Alpino via terra. Questa soluzione implica ovviamente una dilatazione dei tempi – aggiunge Zagonel - e un aumento del rischio di peggioramento dei danni per l'infortunato, oltre ai rischi per il personale del Soccorso.

Ecco dunque che una moderna dotazione di mezzi può migliorare l'aspetto critico descritto. Il quad che si va ad acquistare va infatti a sostituire un mezzo già in dotazione il quale risulta obsoleto e non più adeguato alle situazioni di emergenza. Il servizio che svolge il Soccorso Alpino – conclude Zagonel - si configura come servizio di pubblica utilità ed è attivo ininterrottamente 24 ore su 24 e per 365 giorni all'anno; esso è sostanzialmente basato sul volontariato dei propri soci, i quali prestano importanti risorse di tempo sia per i servizi che compiono sia per il continuo addestramento e mantenimento a cui sono sottoposti”.