Ti trovi in:

Home » Comune » Comunicazione » In evidenza » Inaugurato il nuovo Pump Track di Siror, attesa per l'evento internazionale del 25 agosto

Inaugurato il nuovo Pump Track di Siror, attesa per l'evento internazionale del 25 agosto

di Domenica, 15 Luglio 2018
Immagine decorativa

L'intera opera copre una superficie totale di circa 1200 m². Riflettori internazionali puntati su Primiero San Martino di Castrozza per la tappa del circuito 'Red Bull Pump Track World Championship' a Siror in Trentino, il prossimo 25 agosto

Inaugurazione ufficiale domenica pomeriggio 15 luglio a Siror nel Primiero, per il nuovo Pump track, alla presenza dell'assessore provinciale Tiziano Mellarini che ha tagliato il nastro della nuova opera con il sindaco Daniele Depaoli, l'assessore comunale Antonella Brunet, con i colleghi di Giunta.

Molte le autorità locali, che hanno presenziato all'evento, assieme ai rappresentanti delle associazioni sportive Primiero bike e Us Primiero. Il decano di Primiero don Giuseppe Da Pra ha invece benedetto la nuova struttura, invitando i giovani al divertimento ma con prudenza.

“Preciso subito che non abbiamo nulla contro il calcio, nel giorno della finale mondiale, ma soprattutto smantellando un vecchio campo di gioco – ha evidenziato il sindaco di Primiero San Martino di Castrozza, Daniele Depaoli – questa è una nuova opera molto attesa da tutto il territorio, in un punto in cui si uniscono la ciclabile che arriva da Imèr e il nuovo tratto che arriverà a San Martino di Castrozza. Per questo, la zona è stata dedicata interamente alle due ruote, con un progetto nuovo e divertente, per le famiglie. Ringraziando quanti hanno operato per la realizzazione dell'opera, il sindaco ha ricordato l'evento del prossimo 25 agosto, una delle gare mondiali inserite nel circuito 'Red Bull Pump Track World Championship' (redbullpumptrackworldchampionship.com)”.

“Inaugurare una nuova opera è sempre un momento di grande festa per l'intera comunità. Investire sullo sport è investire sui giovani - ha sottolineato l'assessore provinciale, Tiziano Mellarini – e questa terra ha sempre investito in tutti gli sport. Non solo come divertimento, ma anche come formazione e disciplina per tutti”.

“In occasione del prossimo appuntamento internazionale – ha ricordato invece l'assessore al turismo del Comune, Antonella Brunet – non mancherà un importante weekend dedicato ai giovani con musica e concerti live, che saranno organizzati dall'associazione Aguaz proprio nei pressi dell'area gare. Il 'pump track' diventa quindi l'occasione per offrire ai giovani una vacanza alternativa ai piedi delle Pale di San Martino. Ma non è tutto, poiché in collaborazione con la Provincia, il prossimo anno intendiamo realizzare anche sentieri e percorsi didattici che possano valorizzare ulteriormente l'intera area del 'pump track' e della vicina pista ciclabile”.

L'opera

Il progetto - dell’ingegner Herman Crepaz di Primiero - realizzato dall'Impresa Fontan di San Martino di Castrozza e dall'azienda VeloSolutions, ha inteso riqualificare l’area sportiva di Siror, sfruttando la localizzazione strategica rispetto alla pista ciclabile di Primiero ed altri tratti percorribili in mountain bike, mediante l’adattamento delle strutture esistenti verso una nuova connotazione a “bike area”.

Il percorso

Struttura comunemente conosciuta come pump track, caratterizzata da un percorso artificiale composto da curve paraboliche e dossi di varie dimensioni. Lo scopo del pump track è quello di percorrerlo senza pedalare, ovvero sfruttando la spinta (pump) del corpo. Si possono realizzare tracciati di diverse forme, simmetriche o asimmetriche, più o meno complesse, con differenti tipi di varianti o a tracciato singolo, da percorrere utilizzando solamente la flessione e distensione di braccia e gambe per dare propulsione al proprio attrezzo sportivo, sia questo una bici, uno skateboard o un monopattino.

Divertimento in bici, prestando attenzione

Questo tipo di struttura sportiva è usufruibile da qualsiasi persona che sia in grado di utilizzare una bicicletta ad ogni età, dall’atleta a chi vuole passare un pomeriggio divertendosi con quasi tutte le tipologie di bici, anche quelle da strada compresi il monopattino e lo skateboard. L'invito è però a prestare la massima attenzione lungo il percorso, utilizzando le dovute protezioni.

L’opera presenta un percorso principale di larghezza media pari a 2,00 metri e lunghezza pari a circa 190 metri. Presenta vari punti di connessione in modo da poter realizzare diverse combinazioni di percorrenza in modo da variare la difficoltà e aumentando la longevità dell’interesse. Presenta diverse curve paraboliche con raggio medio pari a 3 metri, e altezze di 1,20 metri. Le gobbe, poste in sequenza nei tratti rettilinei presentano altezze variabili.

E' presente inoltre una zona in cui è stata realizzata una "bowl" costituita da tre vasche circolari di diverso diametro e profondità. La struttura è completata con una "kids line" adatta alla fruizione da parte dei più piccoli avente un percorso ad anello di lunghezza pari a circa 30 metri.

La spesa complessiva per l'opera è stata di 119.999 euro, di cui 40.517 euro per lavori soggetti a ribasso, 932 euro per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso, 78.549 euro per somme a disposizione.